9/10/2011
Bassano Virtus-Barletta 0-1
Importante vittoria dei biancorossi, decide una prodezza di Schetter nella ripresa

 1 Commenti      Invia via Email      Stampa

BASSANO VIRTUS-BARLETTA 0-1

BASSANO VIRTUS (4-4-1-1): Grillo; Basso, Scaglia, Porchia, Ghosheh; Ferretti, Mateos, Proietti (28' st Drudi), Bonetto; Gasparello (21' st Fracaro); Longobardi.
A disposizione: Poli, Barichello, Morosini, Martina, Iocolano. Allenatore: Jaconi

BARLETTA (4-2-3-1): Pane; Mazzarani, Migliaccio, Mengoni, Angeletti; Guerri, Zappacosta (27' st Menicozzo); Schetter (37' st Pisani), Mazzeo, Cerone; Infantino.
A disposizione: Sicignano, Masiero, Franchini, Di Cecco, Caggianelli. Allenatore: Cari

Arbitro: Ripa della sezione di Nocera Inferiore

Rete: 10' st Schetter (B)

Note: Presenti circa 1.000 spettatori con piccola rappresentanza ospite. Osservato prima della partita un minuto di raccoglimento per le vittime del crollo della palazzina di Via Roma a Barletta. Ammoniti: Scaglia (BV), Proietti (BV), Zappacosta (B), Ferretti (BV), Infantino (B), Espulsi: Cerone (B) al 26' st e Scaglia (BV) al 31' st

Il Barletta torna alla vittoria grazie ad una grande giocata di Antonio Schetter al 10' minuto della ripresa. Questo di Bassano del Grappa è il secondo successo esterno del Campionato dopo quello ottenuto a Prato.
Non era per nulla facile ottenere questo risultato perchè i biancorossi sono arrivati alla gara non nelle migliori condizioni psico-fisiche. Infatti gli ultimi risultati non positivi avevano fatto smarrire qualche certezza e bisognava far fronte a delle assenze pesanti quali quelle degli infortunati Hanine e Simoncellli, oltre agli indisponibili Pelagias e Di Gennaro, quest'ultimo alle prese con seri problemi familiari.
Ma soprattutto quella trascorsa è stata una settimana che ha sconvolto tutta la Città di Barletta per il tragico crollo della palazzina di Via Roma, e pertanto per l'entourage del Barletta Calcio non è stato facile concentrarsi sulla partita dopo aver vissuto dei giorni che segneranno per sempre la vita di ciascuno di noi.
Dopo l'emozionante minuto di raccoglimento sono partite le ostilità, il Barletta si è presentato in campo con la novità di Infantino al centro dell'attacco, inoltre a centrocampo c'è Zappacosta con Schetter e Cerone sugli esterni d'attacco. Nei padroni di casa spicca il ritorno in campo dell'ex laziale Bonetto.
La squadra di Cari fa la partita con il Bassano Virtus che si difende dietro la linea della palla cercando di ripartire con rapidi contropiedi.
La prima grossa occasione della partita capita al 7' al Barletta ma la conclusione da pochi passi di Mengoni viene respinta d'istinto da Grillo.
Dopo alcune altre opportunità che non si concretizzano in maniera pericolosa, i veneti sfiorano il vantaggio con una conclusione dal limite di Gasparello che sfrutta un rimpallo ma non riesce a centrare la porta difesa da Pane.
Nel finale di frazione Infantino approfitta di un errore di Scaglia ma tira precipitosamente sulla trasversale. Il primo tempo si conclude così sullo 0-0.
La ripresa si apre subito con un'occasione per gli uomini di Jaconi, ma la conclusione a giro di Ferretti sfiora soltanto il palo della porta barlettana.
I biancorossi sembrano un pò in difficoltà ma ci pensa Schetter a cambiare la situazione inventandosi la rete del vantaggio con un gran tiro di sinistro dal limite dell'area, una prodezza molto simile a quella realizzata tre settimane fa in casa contro l'Andria. Il talento napoletano dedica la rete alle cinque giovani vittime con un eloquente bacio sulla fascia del lutto portato al braccio.
La reazione dei giallorossi si concretizza con due opportunità che fanno tremare il piccolo, ma encomiabile, gruppo di tifosi del Barletta presente sugli spalti. Prima Bonetto interviene su un traversone ma non riesce a concludere nel migliore dei modi, poi Longobardi supera Mengoni e tira a colpo sicuro ma il suo diagonale passa a pochi metri dal palo con Ferretti che giunge con un attimo di ritardo.
Al 26' il Barletta resta in 10 uomini per l'espulsione di Cerone che salta con il gomito alto colpendo involontariamente Basso. Per il direttore di gara l'intervento è pericoloso ed il cartellino rosso è conseguenziale.
Pochi minuti dopo si ristabilisce la parità negli uomini in campo, infatti il già ammonito Scaglia colpisce la palla di mano bloccando un contropiede che vedeva Infantino lanciato verso la porta difesa da Grillo, il secondo giallo è inevitabile.
Al 35' il Barletta potrebbe raddoppiare ma Menicozzo serve Mazzarani anzichè i più smarcati Infantino e Mengoni, l'occasione pertanto sfuma.
Negli ultimi minuti di gara il Bassano Virtus aumenta il proprio forcing ma pur impensierendo la difesa biancorossa, non riesce a concludere a rete.
Arriva così il fischio finale e per il Barletta sono tre punti preziosissimi che valgono il 3° posto a 4 lunghezze dalla capolista Pergocrema. Mercoledì si torna già in campo per il turno infrasettimanale, nell'inedita gara in notturna al "Puttilli" sarà di scena il temibile Sudtirol.

Foto Bassanovirtus.com